non-sai-di-che-cosa-sono-capace

Non sai di che cosa sono capace

Mostra organizzata il 25 Gennaio 2019 Presso Museo MIIT
“Leonardo For Ever” Genialità contemporanea tra realtà e astrazione
Personale di Santina Portelli “Arte come luce dell’esistenza

Perchè una personale di Santina Portelli ha completamento di questa mostra dedicata alla genialità di Leonardo da Vinci? La risposta risiede nella visione profonda e simbolica del messaggio di amore, pace e bellezza che sempre si manifesta nei lavori di una grande artista dell’emozione quale è Santina Portelli. La luce assume valenza salvifica nei suoi dipinti, impalpabile e spirituale, metafora dell’esistere nella speranza e nella fede. I toni calibrati con raffinata poesia e leggerezza ci raccontano l’essenza di un’anima pittorica sensibile e forte al contempo, decisa nel raffigurare il mondo e la vita attreaverso una visione interiore e profonda.

Poesia di Ramonda Marina

Non sai di che cosa sono capace,
Non sai di che cosa sono capace
Non sai di che cosa sono CAPACE
di portarti a braccia, di tenerti la mano fino all’ultimo giorno,
di berti tutte le lacrime,
di ridere di questo, di sorprenderti con storie inventate,
tu non sai di che cosa sono capace
difenderti da quegli occhi violenti, ignoranti, da quelle mani che fanno male,
dire ciò che penso rischiando la vita, essere sola davanti a quel cannone,
scendere nel fiume, riprenderti per i capelli
e lasciarti con uno sguardo di pace alla riva,
non sai di cosa sono capace
darti tutto l’ossigeno che ho, scaldarti di carezze al gelo,
ricordarti per ore che bella persona sei quanto la merda sempre avvolgerti,
Non sai di che cosa sono capace
ancora non mi conosci anche se il mio cuore batte al ritmo del tuo,
no, tu non sai di cosa sono capace, no
pensi che la gentilezza nasconda debolezza,
il sorriso “non esserci”
girare la testa “andare altrove”,
no, tu non sai di che cosa sono capace
sto raccogliendo le forze
la gentilezza sta raschiando il secchio del mio amore alla vita,
il sorriso è la sua carezza, ti toglie quel fango che t’avvolge
e giro la testa per cambiare prospettiva
cerco di portarti via verso altri orizzonti
no, tu non sai di che cosa sono capace
sono qui che lo urlo al mondo
ti volti e dici
Andiamo!